Tag archives for:

rieducazione posturale zona Bocconi Milano

Blogposturologia Milanorieducazione posturale Porta Romana Milanorieducazione posturale zona Bocconi Milano

Oggi il fisioterapista ci parla di posturologia

Posted on 31 Luglio 2017 at 11:51 by

Spesso sentiamo parlare di problemi di postura o in generale di “cattiva postura” come causa di tutta una serie di problemi ortopedici che cronicizzano il dolore in svariate aree del corpo. Sorge quindi spontanea la domanda su cosa sia la postura (ne abbiamo parlato anche qui) e che cosa sia la posturologia.

La posturologia – ci spiega il fisioterapista Milano – è la scienza che studia il funzionamento del Sistema Posturale ed analizza la relazione tra lo squilibrio del Sistema Posturale e le patologie dell’apparato locomotore. In altre parole correla tutte le patologie conseguenti ai compensi che il nostro organismo mette in atto in seguito agli squilibri del Sistema Posturale.

L’approccio posturologico è importante – continua il fisioterapista Milano – in quanto fin dalla nascita il nostro sistema nervoso centrale memorizza gli errori del Sistema Posturale come riferimenti di normalità, per cui non possono correggersi da soli; la possibilità di modificarli pertanto è uno strumento cruciale in mano al fisioterapista Milano sia per prevenzione che per la terapia.

La visita posturologica effettuata dal fisioterapista Milano consiste in un approccio multifocale all’assetto posturale, in cui vengono presi in considerazione svariati fattori tra cui il tono muscolare, l’appoggio del piede, la convergenza degli occhi, il parallelismo degli assi visivi, l’occlusione mandibolare e tutto ciò che può interferire con lo schema corporeo ottimale per ogni individuo.

Sulla base della diagnosi il fisioterapista Milano imposta un programma di rieducazione e di terapia individualizzato, che potrà consistere in sedute di Rieducazione Posturale Globale oppure in esercizi specifici di controllo posturale.

Blogrieducazione posturale zona Bocconi Milano

rieducazione posturale zona Bocconi Milano

Posted on 6 Agosto 2014 at 15:17 by / 0

Attraverso il metodo di rieducazione posturale zona Bocconi Milano diventa per tutti possibile imparare a prevenire i dolori e fastidi tipici della vita quotidiana sedentaria. Finalmente la zona lombare non sarà più un problema, neppure dopo tante ore passate alla scrivania a lavorare davanti al computer. Compito della rieducazione posturale zona Bocconi Milano svolta nello studio chinesiologico thinkin’FIT è quello di interagire con il paziente  a livello profondo, in modo che possa imparare ad avere una maggiore consapevolezza del proprio corpo ed a prevenire lui stesso le algie e le tensioni da sovraccarico prima che salgano oltre il livello della soglia di dolore.

Durante un ciclo di sedute di rieducazione posturale zona Bocconi Milano molta attenzione viene posta al diaframma ed alla corretta respirazione, in modo che la muscolatura e le diverse articolazioni possano assumere con l’andare del tempo le posizioni più corrette apprese durante la rieducazione posturale zona Bocconi Milano.

Blogfisioterapiafisioterapia corso Lodi Milanofisioterapia Porta Romana Milanofisioterapista corso Lodi Milanofisioterapista Porta Romana Milano

Scarpe, croce e delizia del piede

Posted on 20 Febbraio 2014 at 16:48 by / 0

scarpe non adatteScarpe! Oggetti di uso quotidiano, semplicissime nella loro funzione e resi terribilmente complicate nel loro uso. Alcune donne impazziscono per loro (in abbinamento con la giusta borsa, soprattutto) e non ne hanno mai abbastanza, ma anche gli uomini cedono sempre più spesso al loro fascino come capo di abbigliamento che vada oltre la semplice funzione di base che, ci ricorda il fisioterapista Porta Romana Milano è quella di proteggere e sostenere il piede.
E se tanto si è parlato male (e a ragione) degli effetti devastanti dei tacchi alti, al contrario oggi al fisioterapista Porta Romana Milano interessa affrontare gli effetti altrettanto devastanti e opposti del “niente-tacco”. Finchè il tacco alto viene usato per poche ore per slanciare la figura il suo uso può essere anche giustificato; al contrario non si capisce bene la ratio delle nuove generazioni di calzature praticamente prive di suola (se si eccettua un sottile strato di gomma), la cui tomaia (cioè il “corpo” della scarpa) è – inoltre – in semplice e morbido tessuto.
Anche se è evidente al fisioterapista Porta Romana Milano che indossare gli scarponi da sci tutto l’anno non è la migliore delle soluzioni, questo paradosso ci invita a riflettere sulla debolezza di queste calzature: se sciando il complesso piede-caviglia viene sottoposto ad una serie di sovra-stimolazioni a cui non è abituato (e che lo scarpone ha il compito di eliminare – o almeno ridurre – in gran quantità, appunto immobilizzando la caviglia ed il piede), anche nella deambulazione quotidiana tale stress non è poi così minore. Le asperità, gli urti e le irregolarità del terreno in genere vengono assorbiti e ridistribuiti in modo più o meno equanime dalla suola della scarpa: più questa è spessa (senza esagerare), maggiore sarà la protezione offerta.
Ma non finisce qui. Uno dei problemi più comune del piede è la sua tendenza alla pronazione, cioè a “schiacciarsi” al suolo (mai sentito parlare di “piede piatto”?); a volte capita che sia un’errata conformazione delle ossa, ma più comunemente questa situazione deriva da una debolezza dei muscoli che sorreggono la volta plantare. Questa struttura infatti – come ci spiega il fisioterapista Porta Romana Milano – è composta da tre archi ossei convergenti nella base del pilastro tibiale, che hanno lo scopo di assorbire ed ammortizzare le sollecitazioni del terreno prima che vengano trasmesse alle articolazioni superiori (ginocchia, anche e colonna lombare). Una debolezza strutturale di questa volta comporta una minore ammortizzazione dello stress; come nel caso degli scarponi da sci, il corpo della scarpa deve avere una sufficiente rigidità, in modo da evitare che il piede “cada” all’interno della base di appoggio, squilibrando così tutta la complessa catena di sostegno del corpo. Ed i risultati possono essere pesanti: gonalgia, dolori lombari, squilibri posturali.
Tutto questo non accadrebbe se il nostro piede fosse abbastanza forte per auto-sostenersi: purtroppo, non essendo più abituati a camminare scalzi e ad approcciarsi al terreno, abbiamo perso questa capacità.
Pertanto, la prossima volta che avrete un adolescente che cammina davanti a voi, il fisioterapista Porta Romana Milano vi invita a guardargli i piedi: molto probabilmente sta camminando in appoggio sui malleoli interni! (a questo punto, fermatelo, alla faccia della moda!)


Dove siamo


mappa-thinkinfit
close