Tag archives for:

allenamento funzionale Milano

allenamento Milanopersonal trainerpersonal trainer Milanopersonal trainer Porta Romana Milano

Eliminare la cellulite: quale allenamento scegliere

Posted on 8 Agosto 2017 at 19:39 by

Alzi la mano chi conosce la panniculopatia-edemato-fibro-sclerotica! Tranquilli, anche se non mortale, parliamo pur sempre di una malattia ben nota – la cellulite – che colpisce circa l’85% dei soggetti di sesso femminile e solo il 2% dei soggetti di sesso maschile. Come ci spiega il personal trainer Milano è una patologia a carico del pannicolo adiposo che si presenta con edemi e ritenzione idrica e causa rallentamento della circolazione e degli scambi metabolici, determinando compressione dei tessuti e l’imprigionamento dei noduli di grasso (la cosiddetta “buccia d’arancia”).

Ma oggi il personal trainer Milano non vuol perdersi in spiegazioni fisiologiche o parlare di alimentazione bensì puntare all’obiettivo principale: quale allenamento scegliere per eliminare la cellulite Milano?

L’allenamento coi pesi è molto importante per mettere in moto i liquidi (limitando così il ristagno) attraverso la cosiddetta pompa muscolare. Il personal trainer Milano ci invita a a fare attenzione però ai lavori in eccessiva acidosi: per eliminare la cellulite Milano meglio limitarsi ad un numero medio di ripetizioni (10-12 reps), in quanto la formazione di tossine muscolari ha effetti negativi sulla circolazione e sull’ossigenazione muscolare con conseguente ritenzione idrica.

Le atlete più avanzate potranno usare esercizi base con grossi carichi e movimenti esplosivi, come spiegato dal personal trainer Milano. Le atlete alle prime armi che mirano tuttavia ad eliminare la cellulite Milano dovrebbero invece rivolgersi verso esercizi complementari di contrazione e decontrazione dinamica per attivare i meccanismi di pompa muscolare.

In entrambi i casi – ci ricorda il personal trainer Milano – è importante sollecitare le strutture del piede con un lavoro di camminata sul tapis roulant, meglio se scalze, variando velocità e pendenza piuttosto che correndo, in quanto i ripetuti impatti col terreno possono causare micro-lacerazioni alle membrane delle cellule adipose che, a lungo andare, non aiutano ad eliminare la cellulite Milano.

 

allenamento funzionale corso Lodi Milanoallenamento funzionale Porta Romana Milanoallenamento funzionale zona Bocconi Milanopersonal trainerpersonal trainer Porta Romana Milanopersonal trainer zona Bocconi Milano

Tempo di vacanze… quale allenamento?

Posted on 28 Luglio 2017 at 23:17 by

Estate: le giornate si allungano e le vacanze… si avvicinano! Se da un lato staccare dalla routine lavorativa è un must per ritrovare il proprio benessere fisico e mentale, dall’altro è necessario mantenere il proprio regime di allenamento per non rovinare i risultati ottenuti nei mesi più freddi. Il personal trainer Porta Romana Milano ci spiega quali modifiche effettuare alla propria routine di allenamento per delle vacanze all’insegna del benessere.

“Innanzitutto è necessario mantenere nel proprio allenamento una varietà di esercizi utili a tutto il corpo” ci spiega il personal trainer Porta Romana Milano “in modo da non lasciare indietro nessun gruppo muscolare”.

“Scegliere una routine di allenamento come quella a circuito aiuta a rendere maggiormente interessante il proprio training” continua il personal trainer Porta Romana Milano “in modo da essere maggiormente stimolati a perseguire i propri obiettivi nonostante il caldo o… la pigrizia!”.

“Allo stesso tempo i luoghi di villeggiatura, che siano mare, montagna o altro, possono offrire nuovi stimoli al vostro training” propone il personal trainer Porta Romana Milano “come camminare o correre in mare sfruttando la resistenza dell’acqua oppure approfittare dei percorsi di montagna per svolgere un allenamento di endurance“.

In ogni caso, qualunque sia la tipologia di training che avete deciso di seguire, il personal trainer Porta Romana Milano ci ricorda sempre di non esagerare: in fondo stiamo pur sempre parlando di vacanze!

Blog

functional training Milano

Posted on 20 Luglio 2015 at 18:55 by

Il functional training Milano è un recente ed innovativo metodo d’allenamento che mira al miglioramento globale delle strutture e delle capacità del corpo, fondamentale sia nella vita e nei movimenti di ogni giorno che per la preparazione ad un attività  agonistica ed intensa. Si utilizzano una serie di attrezzi specifici differenti dalle normali macchine da palestra: corde, elastici, palle mediche e pedane propriocettive sono solo alcuni degli attrezzi usati nel functional training Milano.

Il concetto fondamentale del functional training Milano è quello di attivare in maniera complessa, ma naturale i propri muscoli compiendo azioni elementari che simulano gesti propri della quotidianità e che pertanto vengono quotidianamente messi in atto.
Le attrezzature utilizzate nel functional training sviluppano quelle che sono le qualità fisiche innate ed essenziali dell’uomo, legate al sistema orto-neuro-muscolare ed alle singole strutture che lo compongono e che lavorano in maniera sinergica tra di esse. Mutuato dalle tecniche riabilitative neurologiche ed adattato al soggetto “in salute”, il functional training mira a sviluppare la multiplanarietà dei movimenti (che spesso viene trascurata negli allenamenti “classici” della pesistica), un’intensa azione cardiovascolare, un miglioramento della coordinazione e una riduzione dei tempi di allenamento,

Le modalità di allenamento proprie del functional training possono essere applicate – con i dovuti accorgimenti – sia ad atleti esperti sia a tutti coloro che approcciano il movimento fisico per la prima volta con lo scopo di rimettersi o mantenersi in forma. Ai fini di una preparazione atletica si potrà utilizzare il functional training per una preparazione fisica generale alla quale seguirà un allenamento specifico relativo allo sport praticato dal soggetto.

allenamento funzionale Porta Romana Milanoallenamento funzionale zona Bocconi MilanoBlogdimagrimento Milanodimagrire Milanopersonal trainerpersonal trainer Porta Romana Milanopersonal trainer zona Bocconi Milano

H.I.I.T per tutti

Posted on 17 Febbraio 2014 at 12:36 by / 0

corridoriUn po’ di tempo fa avevamo parlato con il personal trainer Porta Romana Milano di H.I.I.T. (High Intensity Interval Training), un tipo di allenamento caratterizzato per la sua intensità (alta, come dice il nome) e per la sua breve durata complessiva.  Gli studi hanno dimostrato che per il dimagrire Milano bastano due allenamenti settimanali della durata di 20 minuti per ottenere assieme al personal trainer Porta Romana Milano un miglioramento degli indici di performance (con un riguardo particolare al VO2max) ed innalzare il metabolismo a riposo (con conseguente dimagrimento).

La domanda che i principianti pongono al personal trainer Porta Romana Milano è se questo tipo di allenamento sia adatto anche a loro: facendo le dovute precisazioni, la risposta è SI. Considerando che si tratta di allenamento con fine di dimagrire Milano (e dunque con risvolti prevalentemente cardiocircolatori ad elevate frequenze) è chiaro che a coloro che presentano problematiche cardiovascolari il personal trainer Porta Romana Milano consigli prima di rivolgersi al proprio medico per un consulto, così come l’elevata intensità non lo rende una prima scelta per tutti quelli con problemi all’apparato muscolo-scheletrico, in forte sovrappeso oppure ad elevato rischio di traumi. Sebbene nato in ambito atletico, è un tipo di allenamento per dimagrimento Milano che può essere svolto anche in palestra, utilizzando il tapis roulant o la cyclette e “giocando” con i parametri di pendenza, velocità e resistenza per mantenere il range allenante di frequenza cardiovascolare (che – ricordiamo – è attorno all’80-85% della FcMax, con punte vicine al 95% nelle forme di allenamento più avanzate). L’unico difetto della scelta “indoor” ricorda il personal trainer Porta Romana Milano è dato dalla lentezza delle macchine cardio nell’adattarsi rapidamente ai cambi di velocità e/o pendenza richiesti, cambi che – data la natura ad intervalli dell’allenamento – sono frequenti e spesso repentini.

In ogni caso – all’aperto su strada sterrata o al chiuso sul treadmill ma sempre assieme al personal trainer Porta Romana Milano – è importante svolgere un adeguato riscaldamento e preparare le articolazioni coinvolte con esercizi di mobilizzazione (e non, come si crede, di stretching).

Per fare un esempio pratico, un principiante del dimagrire Milano può iniziare a camminare a velocità moderata per 5 minuti, per poi correre a velocità elevata per 30 secondi e camminare per altri 90 secondi, correre ancora per 30 secondi e di nuovo camminare per 90 secondi, andando avanti così per 10 minuti circa e poi riducendo la velocità, ad esempio, a 4.0 km orari, per 5 minuti di defaticamento. Su questo esempio, per ottenere progressi nel dimagrimento Milano assieme al personal trainer Porta Romana Milano, è possibile dopo qualche settimana camminare per 30 secondi e correre per 60, fino ad arrivare ad un lavoro equo di camminata di 30 secondi intervallata a una corsa sempre di 30 secondi, aumentando nel contempo la durata dell’allenamento prima a 15 e poi a 20 minuti. Con una preparazione di questo tipo si possono in seguito affrontare lavori con rapporto tra fase attiva e pausa invertito (cioè di durata maggiore la prima rispetto alla seconda), per poi introdurre, oltre alla corsa, anche altri tipi di schemi di movimento, magari mutuati dalla pesistica (ad esempio, lo squat o gli stacchi).

L’ultima avvertenza da parte del personal trainer Porta Romana Milano è che – come tutte le cose – l’H.I.I.T. non va praticato come forma esclusiva di allenamento; non solo perchè alla lunga può provocare danni derivanti dall’alta intensità dei suoi movimenti, ma anche perchè insistere sul solo allenamento di tipo anaerobico limita le capacità di adattamento del muscolo cardiaco, ispessendone le pareti senza aumentarne la capacità. Una periodizzazione degli allenamenti, con periodi dedicati all’endurance e fasi di scarico, è senz’altro la scelta migliore per dimagrire Milano.

allenamento funzionale corso Lodi Milanoallenamento funzionale Porta Romana MilanoBlogpersonal trainerpersonal trainer corso Lodi Milanopersonal trainer Porta Romana Milano

Perche’ scegliere il personal trainer corso Lodi Milano

Posted on 14 Gennaio 2014 at 15:44 by / 0

Frequentare un centro fitness è un’esperienza che tutti – prima o poi – fanno nella vita: secondo le statistiche “fare palestra” è il tipo di attività motoria più comune. Come mai allora tante persone non raggiungono i loro risultati di forma e benessere, a differenza di coloro che si allenano con il personal trainer corso Lodi Milano? La risposta – dopo aver effettuato una breve analisi – è piuttosto semplice: su dieci iscritti in un centro fitness, solo quattro raggiungono il livello minimo di sforzo fisico necessario per attivare una qualunque risposta dell’organismo, mentre gli altri per lo più frequentano il centro, socializzando tra di loro tra una blanda camminata al tapis roulant ed un caffè al bar della palestra. Effettivamente sono in palestra, ma non si allenano. Spesso sono quelle persone che – bontà loro – possono permettersi di trascorrere svariate ore alla settimana nel centro fitness, di cui apprezzano soltanto gli aspetti ricreativi ma non i servizi del personal trainer corso Lodi Milano.

Ma non è finita qui: dei quattro utenti rimasti (solitamente coloro con poco tempo a disposizione), purtroppo solo uno si allena in maniera corretta (assieme al personal trainer corso Lodi Milano). Gli altri – in genere i neo-iscritti e pertanto supportati da una forte determinazione – finiscono per:

1) farsi male – e dover ovviamente interrompere – perché non vengono corretti nell’esecuzione degli esercizi o perché gli esercizi stessi non sono i più adatti alla loro condizione di partenza

2) annoiarsi – e quindi rinunciare appena la buona volontà dei primi periodi va calando – perché l’attività ripetitiva e monotona che viene loro proposta non fornisce né il giusto stimolo né la motivazione necessaria

3) non ottenere i risultati sperati – e quindi anche loro rinunciare – perché l’allenamento che svolgono è fondamentalmente sbagliato, eccessivo e in generale non personalizzato in base alle loro esigenze, così come in molti casi lo è l’alimentazione. Ed è così che i sogni di salute e benessere finiscono nel cassetto, magari dopo due o tre tentativi e relativi – onerosi – abbonamenti ai centri fitness.

Se ti sei ritrovato almeno in una delle situazioni sopra descritte, ora sai quello di cui hai bisogno: del Personal Trainer corso Lodi Milano, un professionista qualificato dell’attività motoria e del benessere a 360° che ti insegni ad allenarti bene, a conoscere il tuo corpo e come esso si muove ed a riconoscere i tuoi reali obiettivi.

allenamento funzionale corso Lodi Milanoallenamento funzionale Porta Romana MilanoBlogpersonal trainerpersonal trainer corso Lodi Milanopersonal trainer Porta Romana Milanopreparazione atletica

Lo stretching? Parliamone col personal trainer Porta Romana Milano…..

Posted on 19 Novembre 2013 at 17:58 by / 0

stretchingUno dei capisaldi dell’allenamento, una verità indiscutibile scritta come dogma nella roccia è quella di dedicare i primi cinque-dieci minuti allo stretching, soprattutto a carico degli ischiocrurali e delle spalle. Ma siamo davvero sicuri che sia una così buona idea? Il personal trainer Porta Romana Milano ci spiega perchè.

Si ritiene infatti che effettuare lo stretching prima del workout sia indispensabile per aumentare la flessibilità del corpo e diminuire il rischio di subire infortuni; tuttavia – alla luce di recenti ricerche – il personal trainer Porta Romana Milano ritiene che l’allungamento muscolare prima dell’allenamento non comporti necessariamente una minore incidenza di traumi bensì – contrariamente a quanto si pensa – possa indebolire i soggetti nei successivi esercizi per gli arti inferiori e per i gruppi cosiddetti “di spinta” (pettorali, tricipiti, deltoidi anteriori). Gli studi hanno dimostrato anche una notevole riduzione della forza esplosiva prodotta dai gruppi muscolari sottoposti a preventivo allungamento (nel caso di studio il bicipite brachiale), mentre l’allungamento complessivo sarebbe risultato maggiore nel campione di soggetti che hanno effettuato lo stretching dopo l’allenamento.

Il personal trainer Porta Romana Milano sostiene a tale proposito che lo stretching pre-allenamento allunghi in effetti solo la componente tendinea piuttosto che quella ventrale del muscolo, portando così ad un rallentamento della velocità di contrazione del muscolo sottoposto a stimolo e ad aumentato rischio di traumi dovuto alla riduzione della sua componente visco-elastica.

Alla luce di questi dati il miglior approccio all’allenamento consigliato dal personal trainer Porta Romana Milano sarebbe sottoporre le articolazioni – dopo aver effettuato un leggero warm up di tipo cardiovascolare – ad esercizi di mobilizzazione, destinando lo stretching alla cosiddetta fase di “raffreddamento” al termine dell’allenamento.

allenamento addominali corso Lodi Milanoallenamento addominali Porta Romana Milanoallenamento funzionale corso Lodi Milanoallenamento funzionale Porta Romana MilanoBlogdimagrimento Milanodimagrire Milanopersonal trainerpersonal trainer corso Lodi Milanopersonal trainer Porta Romana Milanopreparazione atletica

Allenamento funzionale in sospensione, roba da Marines!

Posted on 14 Ottobre 2013 at 19:20 by / 0

suspension trainingL’argomento di oggi è un fantastico “aggeggio” che offre spunti interessanti per l’allenamento funzionale Milano, composto da un insieme di cinghie e moschettoni nato dalla mente dell’ex- navy Randy Hetrick (ma c’è chi sostiene che le sue origini risalirebbero addirittura agli Incas!): il TRX. Al di là della retorica filo-americana, che lo vuole creato durante la Guerra del Golfo per permettere ai soldati americani sprovvisti di attrezzi (si sa che i deserti sono notoriamente poveri di palestre) di mantenersi tonici ed in forma, è entrato per la sua pratica semplicità di diritto nel club degli attrezzi definiti “functional”. In parole povere permette al personal trainer Porta Romana Milano di proporre un allenamento funzionale Milano di resistenza a carico naturale, dove la variante non è data dal peso ma dall’angolo assunto rispetto al piano d’appoggio e dall’instabilità dello stesso.

I ginnasti riconosceranno i principi di un attrezzo a loro familiare – gli anelli – con la variante tecnica dell’appoggio al suolo piuttosto che un lavoro totalmente “aereo”.

L’allenamento funzionale Milano in sospensione “ribalta” il parametro classico del pavimento come punto di riferimento (di fatto siamo ancorati al soffitto, o comunque ad un elemento sopra di noi), creando così per il personal trainer Porta Romana Milano nuovi spunti per l’allenamento propriocettivo degli stabilizzatori articolari e del corsetto addominale (il “core“). A parte alcune varianti molto “coreografiche” è un tipo di esercizio che può essere affrontato dagli atleti di ogni livello e permette di stimolare il controllo motorio. L’unica avvertenza è che – dato il grande numero di distretti muscolari attivati in ogni esercizio – richiede un po’ di pratica e una buona dose di supervisione dall’esterno da parte del personal trainer Porta Romana Milano: sconsigliati pertanto i corsi collettivi basati su questo genere di attrezzo.

allenamento funzionale corso Lodi Milanoallenamento funzionale Porta Romana MilanoBlogpersonal trainerpersonal trainer corso Lodi Milanopersonal trainer Porta Romana Milano

DOMS… Quanto ci piace soffrire!

Posted on 11 Ottobre 2013 at 19:11 by / 0

Fibre muscolariMasochisti della palestra, vittime sacrificali della pesistica, venite a noi! Oggi il personal trainer Porta Romana Milano parla dei cosiddetti DOMS (Delayed Onset Muscle Soreness), cioè di quei dolori che caratterizzano i giorni successivi ad un allenamento intenso e che piacciono tanto ai maschietti dediti alla ricerca dell’ipertrofia muscolare.
Prima che le signore fuggano da questo articolo il personal trainer Porta Romana Milano ci tiene a ricordare loro che non si parla solo di allenamento inteso come bodybuilding e che correggere qualche errore fa sempre bene a tutti.
Il primo mito da sfatare da parte del personal trainer Porta Romana Milano é che non si tratta di acido lattico! Gli studi infatti dimostrano come quest’ultimo venga riassorbito dal corpo entro 90/120 minuti dal termine dell’esercizio fisico per essere trasformato in nuova energia ( é un po’ più complicato di così ma il personal trainer Porta Romana Milano non vi vuole annoiare con una lezione di biochimica!)
Cosa sono allora questi dolori? In parole povere si tratta di microfratture a carico della miosina, una delle proteine contrattili di cui sono composti i muscoli e che si danneggia in seguito a ripetute contrazioni muscolar contro resistenza, soprattutto in fase eccentrica (cioè durante l’allungamento dei ventri muscolari). Siccome esistono più tipi di miosina, da cui derivano i vari tipi di fibre muscolari, queste non si danneggiano tutte allo stesso modo a parità di intensità e volume di allenamento. Ecco perché alcuni muscoli “si sentono” di più nei giorni seguenti e altri meno.
Altro eterno tormentone da palestra (e per il personal trainer Porta Romana Milano) é se i DOMS siano davvero necessari (cioè siano la riprova della “bontà” di un’allenamento se presenti o viceversa che l’allenamento sia stato insufficiente se assenti): la risposta é “ni”! Spiegazione: la presenza dei dolori é indice di aver raggiunto un elevato livello di stress a carico del fibra muscolare. Tuttavia chi non dovesse percepire alcunché nei giorni seguenti all’allenamento (purché questo sia stato – siate onesti – sufficientemente intenso) stia tranquillo: la mancanza (soprattutto negli sportivi di livello medio-basso) é probabilmente imputabile all’incapacità di percepire e controllare il muscolo in maniera selettiva. Ma ciò non significa che esso non sia stato stimolato a dare i risultati tanto agognati!

Blogpersonal trainerpersonal trainer corso Lodi Milanopersonal trainer Porta Romana Milano

In autunno passa la voglia di allenarsi? Tranquilli, tutta natura!

Posted on 1 Ottobre 2013 at 19:30 by / 0

orologi molliPremesso che il titolo di questo post sembra la perfetta giustificazione per l’inattività cronica di molti, l’intenzione del personal trainer Porta Romana Milano è di spiegare quell’inattività “acuta” che colpisce le persone all’inizio della stagione autunnale.

Secondo studi recenti la chiave del problema poggerebbe su due fattori: i ritmi circannuali ormonali e le modificazioni dell’esposizione alla luce in termini di alternanza giorno-notte. Dei primi il personal trainer Porta Romana Milano aveva già parlato  a riguardo del momento migliore per allenarsi (ritmi circadiani ormonali): esistono però anche fluttuazioni nella produzione di vari ormoni lungo il corso dell’anno, legate  alle stagioni. Nello specifico durante l’estate (per essere precisi tra giugno e la metà di agosto) sono stati riscontrati i tassi più alti di ormoni androgeni, in primis il testosterone. Questi livelli subiscono un brusco calo durante le sei settimane successive (ed arriviamo alla fine di settembre), per essere sostituiti da alti livelli di altri ormoni, tra cui il cortisolo. Questo ormone vede tra i suoi effetti anche quello di stimolare l’accumulo di adipe in vista dei mesi invernali (retaggio di un’epoca in cui non c’erano fast food ad ogni angolo!), oltre a quello di favorire lo stress.

A tutto questo – ci spiega ancora il personal trainer Porta Romana Milano – va aggiunto il cambio di stagione, inteso dal punto di vista astronomico: con l’equinozio di autunno (23 settembre) si ha l’aumento delle ore di buio a scapito di quelle di luce; tale effetto è stato amplificato anche dall’introduzione della cosiddetta “ora legale”, che viene rimossa ad ottobre “slittando” così gli orari della giornata lavorativa di un’ora verso la notte. Secondo il personal trainer Porta Romana Milano questa è anche la causa di quelle fasi depressive transitorie che colpiscono un certo numero di persone nei mesi di ottobre e di marzo (ovvero in corrispondenza con l’altro equinozio).

Che fare? Oltre all’ovvia ma poco praticabile soluzione di cambiare emisfero l’alternativa è… pazientare! Il mese di novembre porta con sè anche la riduzione progressiva dei livelli di cortisolo; inoltre, anche se detto in un blog che parla anche di attività fisica può sembrare scontato, fare esercizio aiuta a combattere il “grigiore” grazie alla cascata di endorfine che si sviluppa in seguito allo sforzo. Quindi, piuttosto che farvi prendere dall’apatia e …prendere cinque chili (mossa poco saggia, Natale ed i suoi surplus calorici incombono!), rivolgetevi al personal trainer Porta Romana Milano che vi sappia motivare e muovetevi!

Blogfisioterapiafisioterapia Porta Romana Milanofisioterapista Porta Romana Milano

Il nuoto NON fa bene alla schiena? La ricerca lo conferma

Posted on 23 Settembre 2013 at 17:42 by / 0

Il nuoto? Non fa bene alla schiena!

Finalmente. Erano anni che il fisioterapista Porta Romana Milano lo diceva, “osando” contraddire i medici di base, che da sempre consigliano il nuoto alle madri preoccupate per lo sviluppo dei loro figli “perché fa tanto bene”!

Ironia a parte, è dunque arrivata dalla ricerca scientifica la conferma a quanto da sempre sostenuto dal fisioterapista Porta Romana Milano: l’attività natatoria non è indicata durante l’età evolutiva e – soprattutto – non è adatta a correggere dismorfismi come la scoliosi. Premesso che tutto ciò è riferito al nuoto agonistico (quindi a soggetti che passano molte ore in acqua al giorno), è bene che il fisioterapista Porta Romana Milano chiarisca i perché di questa conclusione.

Cerchiamo di ragionare assieme. Innanzitutto è una questione di assetto: l’Uomo è un animale che ha evolutivamente “scelto” di vivere in ortostatismo (cioè in verticale), il nuoto invece è l’unico sport che si svolge per tutta la sua durata in orizzontale. A questo uniamo la differenza del mezzo in cui si svolge: l’acqua. Abbiamo un bel dire che il feto si sviluppa in un liquido e che deriviamo da animali marini: con buona pace di Darwin il fisioterapista Porta Romana Milano ci sottolinea come la scelta sia stata quella di relazionarci con la solida terra, la quale – ad ogni nostra azione – ci restituisce una forza uguale e contraria. L’acqua no, spingendola si sposta e comunque si muove, dando ai nostri sensi tutta una serie di informazioni alle quali siamo meno abituati.

Il discorso del fisioterapista Porta Romana Milano potrebbe continuare ancora parlando delle differenze nella deambulazione (sulla terra camminiamo con le gambe, che hanno delle leve specifiche ben diverse da quelle delle braccia, alle quali è affidato in buona parte il movimento in acqua) oppure nella respirazione (che nel nuoto, invece che essere profonda e diaframmatica, è alta e toracica) ma è meglio fermarsi qui. Con una raccomandazione da parte del fisioterapista Porta Romana Milano: il nuoto non deve essere demonizzato, come tutti gli sport basta praticarlo nella giusta quantità e nella giusta maniera. E soprattutto, non va bene per tutti!

Per chi volesse saperne di più:

“Swimming is not a scoliosis treatment: a controlled cross-sectional survey” – Istituto Scientifico Italiano Colonna Vertebrale (2013)


Dove siamo


mappa-thinkinfit
close